"LA VOCE DI CARTA", LA VOCE CHE FA CRESCERE DI MARIANNA

Aggiornamento: 22 feb 2021


RECENSIONE OFFERTA DA AURORA


La voce di carta è un libro pubblicato da Mondadori di narrativa per ragazzi, scritto da Lodovica Cima, nata a Lecco, la città in cui la sua famiglia possedeva una cartiera. Lodovica si è ispirata alla cartiera, sia per raccontare l’avventura intrapresa da una ragazzina di quattordici anni alla fine dell’ottocento, per aiutare la famiglia che viveva in campagna, sia per rivivere il ricordo di quando era piccola, della sua città e della sua famiglia.

Marianna è una ragazzina cui viene comunicato che dovrà lasciare la campagna per andare a lavorare in una cartiera a Lecco, dove potrà guadagnare dei soldi per la famiglia. In famiglia non è la prima ad intraprendere un’avventura simile: già la zia Ada, considerata pazza, aveva deciso di inseguire i suoi desideri e da quel giorno nessuno aveva avuto più notizie di lei.

Durante questa esperienza di vita Marianna conosce molte persone, sia buone che cattive, imparando così la crudeltà e il modo sbagliato di comportarsi. Si lega molto ad una suora che gioca un ruolo fondamentale nella sua crescita e nella sua istruzione.

La ragazzina ha una grande bontà d’animo con tanta voglia di conoscere, imparare e a sua volta insegnare. Proveniente da una famiglia povera non sa né scrivere né leggere, nessuno le aveva mai insegnato, motivo per cui questa esperienza è davvero importante.

Grazie al suo coraggio, alla sua determinazione e al sostegno di due grandi donne riesce a superare i pregiudizi e usa l’unico strumento in grado di portarla avanti: la parola. Impara a leggere, a scrivere e lotta con tutte le sue forze per diventare ciò che desidera essere.

Oggi Lodovica Cima vive a Milano dove continua a scrivere libri per ragazzi dando loro la forza di raggiungere sempre i propri obiettivi attraverso la lettura.

Mi è piaciuto questo libro perché mi sono sentita nei panni di questa ragazzina ad ogni parola, inoltre ho colto gli insegnamenti offerti da esso e ho preso come punto di riferimento il carattere di Marianna, forte e gentile; forte perché è riuscita a proseguire nonostante la sua situazione economica e famigliare, gentile perché si è sempre rivolta con molta calma a parsone che non se lo meritavano.

Lo consiglio perché racconta molte difficoltà che si possono trovare nella vita e che vanno affrontate con tanta determinazione. Ci fa capire che dobbiamo aprire la mente e diventare ciò che vogliamo essere, superando tutti gli ostacoli e i limiti imposti dalle persone e dalla vita stessa.


112 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti